domenica 28 agosto 2016

Si (ri)comincia con la Marvel e questa volta in modo (quasi) serio


La Marvel, uff, non ho mai avuto voglia di seguirla.
Sì, Spider-Man l'ho sempre amato come personaggio, Iron Man mi è sempre stato sulle palle , ehm, antipatico, ma nulla di più. Sì, mi ero comprato un fumetto dell'Uomo Ragno quando avevo 5 anni, ed era una roba fantastica. Per il nuovo costume di Peter creato da Tony Stark, ma anche (e soprattutto) per questo:


Poi più nulla. Due numeri a caso di Spider-Man, uno di Hulk, qualcosina di Deadpool e tutte le prime uscite a 1,99 delle testate col giornale (perché sì, io mi compro solo le prime uscite) e basta. Ammetto sinceramente che l'universo Marvel non mi ha mai preso in modo completo, per via di molte scelte che non mi piacevano o di molte storie "brutte", ma in questi giorni, preso da chissà cosa, mi è venuta la stramba idea di cominciarmi davvero a leggermi qualcosa, e possibilmente anche il meglio, per farmi una idea generale e più "professionale". Così, tra prestiti, roba online, biblioteca qua, medioteca là e cose varie, piano piano in questa rubrica metterò i miei pareri sulle testate/storie che leggo.
Di certo, se volete consigliare qualcosa/inserire vostri pareri siete i benvenuti! 
Si comincia!


Vi dovreste chiedere, dopo aver letto tutto ciò, da cosa sia partito (ma anche no, ragionando che nessuno legge i miei lunghissimi "tutto ciò"). Beh, forse l'ho fatto con la cosa peggiore, ma quella che inizialmente più mi attirava: Civil War.

Lo ammetto, l'inizio di Civil War mi attirava non poco, ero convinto, già a metà del primo capitolo, di poter leggere come prima cosa già un capolavoro Marvel.
Il tema trattato in quei 7 capitoli era intrigante, almeno inizialmente. La scena della madre che sputa in faccia a Tony Stark era potente, la fuga di Capitan America interessante. Anche se già intuivo qualcosa: non tutto sarebbe continuato così come iniziato. Se le motivazioni morali iniziali mi sembravano entrambe giuste e con spunti interessanti, qualcosa nella "scrittura" di Capitan America mi cominciava a non tornare. Eppure la trama era comunque interessante e ben scritta, e io continuavo. Mi stava piacendo e soprattutto mi dava, anche per una delle prime volte (nella mia ignoranza) di leggere qualcosa Marvel di "maturo" ma allo stesso tempo bello (perché sì, quando si crea una storia con l'unico obbiettivo di essere matura si sa che fine fa).



civil war
civil war recensione


Però, arrivati alla scena della rivelazione di Spider-Man, avevo capito che tutto si stava svolgendo con troppa velocità. Se non fosse per la serie Tie-In, che spiega alcuni dettagli della storia, quella scena mi avrebbe lasciato l'amaro in bocca per parecchio tempo.
Qui c'è un pregio e un difetto: 7 capitoli sembrano pochi per raccontare questa storia, eppure la serie Tie-In ne riesce a spiegare alcuni antefatti e dietro le quinte interessanti, anche se a volte raccontati male.


civil war

                                   
Il combattimento del terzo capitolo tra il team Capitan America e quello Iron-Man è bello, sì, non c'è dubbio. Ma le scelte non funzionano molto e le morali sembrano già essere andate a farsi benedire per dar spazio a un po' di sano e semplice combattimento fatto di strategie e ripicche da bambini.

Eppure l'arrivo di Thor mi aveva colpito, già. Il capitolo 4 mi ha intrigato non poco e ha risollevato un po' la storia grazie anche ai disegni che, nel giro di qualche sguardo, riescono a riassumere più di mille parole che, nel giro di quelle poche pagine, sicuramente non ci sarebbero entrate. Mi aspettavo un finale grandioso, qualcosa che avrebbe riunito, in una sola volta, tutta la serie principale, tutti i vari tie-in (molto interessanti), frontal line e speciali vari.


civil war
civil war



E poi c'è la conclusione. E se, in generale, la storia mi era piaciuta comunque non poco, quegli ultimi capitoli mi hanno davvero deluso. Si parla di incapacità di scrivere i finali, e sì, forse è vero. Ma c'è anche un aver capito, solo a metà di uno scontro infinito e dalle dubbie morali, che qualcosa davvero non andava e che è meglio mollare tutto. Sia da parte dell'autore che da  Capitan America.
Una conclusione scialba che mi è lasciato poco, se non forse un posto ancor più d'onore nella lista della gente che mi sta sulle palle. E stavolta senza censura.

civil war
Eccolo lì, il bastardo...

                                           

In conclusione, questo inizio con la Marvel è stato un sì e un no. Una bella storia, una bella trama, un bel soggetto, dei bei disegni e in generale un perfetto crossover, ma vari problemi di scelte di sceneggiatura, caratterizzazioni, e velocità tra le tante cose. Di certo continuerò a leggere, credo proprio che partirò con qualche bel ciclo di Spider-man e degli X-men, poi chissà. Vedremo, ma intanto tutti gli aggiornamenti qui in questa nuova rubrica!

Per finire, qui e qui per due belle recensioni con cui condivido vari pensieri, e di fianco il bel pulsante per far parte della fantomatica (perché vuota se non fosse per la beeest lettrice di sempre) band dei best lettori e lettrici, e sotto tutti i pulsanti per condividere, mettere like, farmi conoscere e tanto altro.
Dio vi ha dato i pollici? Spolliciate! (e questa volta per una buona causa!)



civil war