domenica 7 maggio 2017

Quell'unica foto di Eiichirō Oda coi denti storti che abbiamo

E se One Piece non fosse altro che una soap-opera d'avventura spacciata per manga e Eiichirō Oda semplicemente il nome e il marchio del gruppo di persone che ogni santo giorno si mette lì a parlare di linee di sceneggiatura orizzontali e verticali, pensando a quali personaggi far tornare dopo un'apparente morte, a quale problema far scombussolare un po' la vita dei personaggi, e così via, con il sacro motto "One Piece produce le sue storie perché ha bisogno di qualcosa da inserire nello spazio tra una tetta di Nami e l'altra" in pieno stile Il Posto Al Sole?

Oppure sì, in alternativa c'è l'opzione nessun gomblotto che prevede la visione di Oda come davvero uno che dorme 3 ore a notte per scrivere il suo manga preferito. Vedete voi qual è la migliore.




martedì 2 maggio 2017

La miglior traccia "lunga" Pink Floyd

(perché chiamare questo post "Il miglior pippone spaziale floydiano" era troppo brutto)
Sono da poco entrato nel gruppo Facebook Maialini in gabbia, in cui si parla di musica ma con tanto amore verso i Pink Floyd. Uno di quei gruppi con quei nomi altamente ambigui in stile dei Ventenni Piangenti (ora Ventenni Paperoni), bellissimo gruppo a tema Disney che però attirava solo ragazze depresse che cercavano metodi per suicidarsi. Ho chiesto quale fosse la canzone "lunga", quella di più di 15 minuti, preferita scritta dai Pink Floyd. Oh,visto il tanto giustificatissimo amore per Animals credevo che la risposta fosse scontata e invece...

martedì 25 aprile 2017

Il manga di Porco Rosso

Tutti conoscono Porco Rosso, il bellissimo film dello studio Ghibli, ma forse in poche sanno che ne esiste anche un manga. Di fumetti di Myazaki avevo iniziato a leggere Nausicaa, ma ogni volta che aprivo il primo volume rimanevo lì a sfogliarlo per i disegni senza mai decidermi a finire di leggerlo. Invece questo è una cosa un po' diversa: funziona come base per stupendo film d'animazione, ed è una specie di demo di poche pagine per farsi una idea, molto riassuntiva, del film.

martedì 18 aprile 2017

Thunderbolt Fantasy (ep. 1)



Quando ci si ritrova davanti a una serie televisiva giapponese (e da qui già una scoperta, visto che si credeva che i giapponesi guardassero solo anime o show in TV in cui compaesani vengono brutalmente torturati mentre lo Stato ride) fatta interamente con marionette e burattini, ci si aspetta qualcosa di tremendamente trash in stile con il primo episodio della nuova serie prodotta da quelli di VVVVID*. Mai qualcosa con combattimenti così epici da farti dimenticare che stai guardando una cosa che fino a 5 minuti prima avresti trovato ridicola, tecnicamente perfetto e con un sacco di scene stupefacenti. Ma oh, che bello quando il mondo si mette d'accordo per far trovare a una persona a caso nuovi argomenti per un blog.
Gasto', sei 'na merda!"

venerdì 14 aprile 2017

Perché sì, Wizard Of Mickey aveva anche delle cose belle

 Quanti di voi conoscono WOM? Ecco, dai, tante belle mani alzate, Quanti di voi lo odiano? Ma guarda un po', tutti. Ma, amutelefonini a parte, faceva così schifo? Non aveva proprio nulla di bello? E soprattutto, è giusto sfottere sempre Ambrosio? (però per i Q-Galaxy sì , ma questa è un'altra storia)

sabato 8 aprile 2017

Quando i Paperi Disney incontrano la cultura islamica

Bentornati al solito appuntamento in cui si parla di storie Disney nel modo meno Disney possibile! Dopo aver analizzato la vera storia del grandissimo Lord Piselloni, questa volta si parla delle volte in cui i paperi e co. sono finiti in territori arabi scontrandosi con le tradizioni e finendo in situazioni esilaranti! Respirone, pensiero che si fa solo per scherzà, e via che si inizia!

mercoledì 5 aprile 2017

La storia di Dylan Dog che più ci ha colpito

E' da quando ho scritto il post riguardo Mater Dolorosa che penso di fare una rubrica completamente dedicata a Dylan Dog, magari in una modalità un po' diversa, ma rimando sempre a quando la mia mini-collezione coi primi 50 numeri nella Collezione Book sarà senza buchi. Quindi dai, che fra 10 anni più o meno ce la faremo. Comunque, qualche giorno fa era anche il compleanno del grande Tiziano Sclavi, quindi si è più che in tema per parlare del numero che più ci ha colpito della serie, quello che rileggeremmo infinite volte perché resta stupendo, ma che allo stesso tempo ci ha lasciato un solco parecchio forte.